Foto notizia 'Il 31 Gennaio a Torino UTOPICA 2020'
Notizie  24 Gen 10.14
Le ACLI Piemonte invitano tutti a partecipare all’edizione 2020 di UTOPICA "La città delle Persone" organizzata, come sempre, dalle ACLI di Torino.
Di seguito il comunicato stampa e in allegato il volantino.
La Presidenza Regionale ACLI Piemonte

Ritorna l’appuntamento con UTOPICA, la manifestazione organizzata con cadenza biennale dalle Acli di Torino, per dire NO alla città della paura e dei muri, per dire SI ad una città fatta di reti associative vitali, di esperienze concrete, di esperienze di partecipazione per i beni comuni
Una giornata in cui troveranno posto SEMINARI, UNO SPETTACOLO TEATRALE SULL’AMBIENTE, UN CONCERTO SUL TEMA DELLA SALUTE MENTALE E DELL’INCLUSIONE SOCIALE. Si parlerà di città come laboratorio, di prospettive di rilancio di Torino, di spazi e modi per una partecipazione sempre più viva da parte della cittadinanza.
UTOPICA 2020
31 gennaio 2020 ore 14.30-23.30
Casa del Teatro Ragazzi e Giovani - Corso Galileo Ferraris. 266 - Torino

La riflessione si articolerà intorno al tema dell’impegno sociale e politico nelle nostre “Comunità”, intorno alla necessità di essere cittadini attivi, del vivere la città come spazio di accoglienza/incontro/impegno civico/restituzione. UTOPICA 2020 nasce dalla convinzione che la città debba essere ogni giorno costruita e sviluppata come CASA COMUNE, nella proposta di ecologia integrale su cui Papa Francesco sta fondando il suo Magistero, la Casa Comune come paradigma di giustizia sociale, come luogo da tutelare, come luogo del NOI che ci richiama alla nostra responsabilità di cittadini. La città “casa comune”,– pur se attraversata da fragilità e povertà – può e deve diventare luogo di opportunità per tutti, in cui valorizzare le capacità delle singole persone, a partire dalle più fragili. Luogo per eccellenza di “esperienza condivisa” in cui dare vita a una forma di “comprensione reciproca” frutto dell’incontro di orizzonti cognitivi, prospettive, posizioni, interessi.
“Proviamo a rilanciare e a discutere con esperti e opinionisti, la suggestione della città come laboratorio/cantiere/officina, luogo in cui mobilitare le persone, generare antidoti per governare paure e ansie urbane, prevenire discriminazioni e costruire opportunità per chi ha capacità ma ha mano reti o risorse. - afferma Raffaella Dispenza, Presidente delle Acli di Torino – Le nostre città sono un concentrato di diversità, a cui c’è il rischio che le persone rispondano con richiesta di chiusura, di muri, di “recinti”, di spazi protetti di riconoscibilità sociale e somiglianza. Noi, continuando a costruire reti concrete di impegno civile e partecipando alle politiche della Città, vogliamo invece trasformare questo concentrato di contraddizioni, di di comunità ferite, di gruppi di persone escluse e deluse, in un LABORATORIO di opportunità per tutti, soprattutto per chi ha meno reti e meno possibilità di partenza.. “
“Questa è la visione di città che ogni giorno proviamo a costruire con le esperienze di associazionismo realizzate dalle ACLI, con i nostri servizi di Patronato e Caf e con le esperienze di cooperazione sociale che sono nate dal sistema Acli” - afferma Raffaella Dispenza, Presidente delle Acli di Torino “a partire da quanto già facciamo in collaborazione con le istituzioni nelle politiche cittadine: di welfare, di promozione giovanile, sportive, di innovazione”.

Alle ore 14.30 La Presidente delle ACLI di Torino, Raffaella Dispenza, dialogherà con ospiti significativi come il Direttore de La Stampa Maurizio Molinari e la professoressa del Politecnico di Milano Elena Granata, e con istituzioni cittadine che aiuteranno a costruire la visione di “città delle persone” che vogliamo, tra cui il Rettore del Politecnico di Torino Guido Saracco, Luca Davico estensore del Rapporto Rota e il referente del gruppo torinese di Fridays for future. Sarà presente in rappresentanza della Città di Torino la consigliera Barbara Azzarà.
Lo Spettacolo Teatrale - IL PIANETA LO SALVO IO, di e con Francesco Giorda, alle ore 17.45, si rivolge invece agli adolescenti e ai giovani: esperimenti, sfide e proposte concrete per trovare insieme 101 modi per prendersi cura e proteggere il nostro unico pianeta.
Alle 21 musica d’autore con Alessio Lega, Lega uno dei cantautori più conosciuti della sua generazione e vincitore nel 2019 del Premio Tenco, riporta sul palco il concerto/spettacolo che debuttò il 13 maggio del 2008 a Trieste, nel trentesimo anniversario della Legge Basaglia: “E ti chiamaron matta”. All’inizio degli anni ’70 Gianni Nebbiosi – psicoterapeuta e cantautore –scrisse e registrò le “sei canzoni dei matti”: sei perle che testimoniano l’impegno della musica e della poesia a farsi voce di chi non ha voce. Un’opera d’arte, ma anche un documento inestimabile di quel periodo in cui un grande movimento d’opinione si mosse per portare la liberazione nei manicomi. Questa parte dell’evento si inserisce nel progetto delle ACLI di Torino finanziato dall’associazione Il Bandolo, per combattere lo stigma associato alla salute mentale.

Utopica è realizzato dalle ACLI di Torino, in collaborazione con tutta la rete ACLI di associazioni affiliate, di associazioni specifiche e professionali, di servizi di patronato e caf e di cooperative sociali nate dall’esperienza ACLI, fra cui Unione Sportiva ACLI Torino, FAP – Federazione Anziani e Pensionati ACLI Torino, Patronato ACLI Torino, ACLI Torino Service Srl (CAF ACLI), Coop. Solidarietà, Coop. Educazione Progetto, Coop. La Bottega, EnAIP Piemonte, Centro Turistico ACLI Torino.
La giornata vedrà la partecipazione e animazione da parte di alcune realtà ACLI che gestiranno spazi interattivi di informazione, ascolto, partecipazione e di presentazione di esperienze di inclusione sociale su diversi temi (disabilità, autonomia, consumi responsabili, ambiente, accoglienza migranti). E’ prevista anche la copertura radio dell’evento con l’Associazione Si può fare (affiliata Acli Torino) che promuove l’autonomia abitativa e lavorativa di giovani con disabilità intellettiva.

UTOPICA EXTRA
Utopica non finisce il 31 gennaio, ma la giornata del 31 passerà il testimone al territorio per una serie di incontri e occasioni di UTOPICA EXTRA in cui continueremo a dialogare e a ragionare insieme su come, da diversi punti di vista, la città possa realmente essere luogo Adi incontro e rigenerazione:
7 febbraio, ore 15,00, quartiere Lingotto, Via Arnaldo da Brescia 16 bis – “IL PIANETA LO SALVIAMO NOI…”, trash challenge, un esperimento di ecologia urbana per ripulire insieme ai cittadini il quartiere e per prendersi cura dei beni comuni
12 febbraio ore 16, a Palazzo Barolo, riflessione e testimonianze sul tema carcere, con la presenza di Paolo Petracca, Presidente delle ACLI di Milano e proiezione cortometraggio La Madre e il suo principe
16 febbraio ore 16, laboratori per famiglie su tematiche ambientali, a Lanzo
21 febbraio ore 20,45, a Venaria: conferenza con Valentino Castellani e concerto Trio La Gatta

Tutte le iniziative sono ad ingresso libero.
Info e prenotazioni
Acli di Torino, 011.5712846 -810
torino@acli.it
Foto notizia 'Sabato 25 Gennaio 2020 “Biella non dimentica” '
Notizie  20 Gen 09.39
 Vi informiamo che, a Biella, a partire dalla vicenda che ha riguardato nello scorso mese di novembre, la Senatrice Liliana Segre, diverse realtà della società civile locale si sono incontrate e hanno condiviso un documento di solidarietà alla Senatrice.

Il gruppo, che non ha condiviso la posizione assunta inizialmente dal Comune di Biella, ha sottoscritto il documento, riconoscendo, come unico e comune denominatore, un profondo rispetto per la sua storia ed un sincero desiderio di manifestarle tutta la propria vicinanza e solidarietà per quanto ha subito a seguito della deportazione ad Auschwitz.

Le associazioni promotrici hanno più volte ribadito di volersi tenere fuori dal dibattito mediatico che è nato intorno alla cittadinanza onoraria, auspicando viceversa una riflessione seria e condivisa sul senso profondo della Sua tragica esperienza e sugli insegnamenti che da essa si possono trarre per costruire una società accogliente e solidale.

Coerentemente a questa impostazione, nel corso degli incontri, durante i quali si sono aggregate di volta in volta diverse realtà per un totale di 33 aderenti, sono state definite alcune iniziative per commemorare la Shoà.

1 - l'invio del documento sottoscritto dalla 33 realtà alla Senatrice Liliana Segre;

2 - la proposta, a tutte le scuole della provincia, di commemorare, lunedì 27 gennaio 2020, il Giorno della Memoria con una riflessione in classe con gli studenti e ricordare le vittime dell'olocausto sospendendo le lezioni con un minuto di silenzio;

3 - la fiaccolata "Biella non dimentica" per le vie del centro cittadino che si farà sabato 25 gennaio, partendo alle 17.30 dalla Fons Vitae per concludersi a Villa Schneider.

Il percorso si svilupperà su quattro tappe. In ognuna di esse verranno lette, poesie, racconti e testimonianze riconducibili alla Shoà, pronunciate dalla Senatrice Liliana Segre, da Primo Levi, da Etty Hillesum e da Elisa Springer, anch'essa sopravvissuta ad Auschwitz, che abbiamo avuto l'onore di accogliere nel 2003 e nel 2004 pochi mesi prima della sua morte. Inoltre in via Amendola ricorderemo Angelo Cena, vittima innocente della rappresaglia nazifascista e a cui è dedicata una lapide.

Di seguito l'elenco delle 33 realtà che hanno aderito:

Acli

Amnesty

Anpi Biella - Comitato Provinciale

Aps - Sonoria

Aps - Gruppo Acquisto Solidale Biella

Arci

Ass. Cresco

Ass. Donne Nuove

Ass. Incontromano

Ass. Lo Monaco Fare Pensare

Ass. Mani Tese Pratrivero

Ass. Migr'action

Ass. Mondi Senza Frontiere

Ass. NomafieBiella

Ass. Non Sei Sola

Ass. Scuola Aperta

Ass. Urban Kintsugi

Ass. Vocidi Donne

Auser Biella

Azione Cattolica

Banca Etica

Chiesa Evangelica Valdese

Cuamm Gruppo Piemonte

Emergency Biella

Enzo Bianchi - Fondatore Monastero di Bose

Gruppo Volontari Vincenziani

Istituto per la Storia della Resistenza Biella e Vercelli

Libera Biella

Piazza D’uomo

Sindacato Cgil

Sindacato Cisl

Sindacato Uil

Soci Fondatori Pacefuturo



In allegato la locandina
Foto notizia 'CRISI MAHLE E ILVA: LE ACLI PROVINCIALI DI CUNEO SOLLECITANO LE ISTITUZIONI, PER UN INTERVENTO DIRETTO A FAVORE DEI LAVORATORI'
Notizie  16 Gen 15.20
Il 28 novembre 2019 la Mahle, multinazionale tedesca della componentistica auto, su richiesta dei sindacati, ha accolto parzialmente la richiesta di ritirare la procedure di licenziamento legate alla chiusura della produzione dei siti di La Loggia e di Saluzzo.
Una sospensione di 60 giorni, per trovare altre soluzioni industriali e dare un futuro ai 453 lavoratori complessivi, dei quali 240 a La Loggia e 213 a Saluzzo, oltre a una decina di dipendenti di ditte esterne (mensa e pulizie).
A un mese e mezzo dall’accordo, non ci sono notizie positive riguardanti la soluzione del problema e la multinazionale, che aveva preannunciato l’intenzione di trasferire la produzione in Polonia, collegando la decisione al drastico calo di motori diesel, non ha ancora dato risposte esaurienti.
Recentemente è stata inoltrata dai sindacati una nuova richiesta di incontro ministeriale, inoltre è stato indetto un presidio, il 17 gennaio, in piazza Castello a Torino di fronte alla sede della Regione Piemonte, per sollecitare un sostegno forte nei prossimi confronti.
Anche la crisi dell’Ilva di Taranto, uno stabilimento geograficamente lontano, ma che può creare forti ripercussioni per il Piemonte e, in particolare, l’Ilva di Novi Ligure (800 lavoratori) e di Racconigi (200), è tutt’altro che risolta e continua a preoccupare famiglie e comunità.
Le Acli provinciali di Cuneo seguono con preoccupazione le vicende di queste due aziende e, richiamando l’importanza fondamentale del lavoro per garantire la dignità personale e famigliare:

- esprimono forte vicinanza ai lavoratori coinvolti nella crisi, in questo momento di grande incertezza;

- auspicano che i manager tedeschi Mahle tornino definitivamente sulla decisione assunta, ritirando i licenziamenti e che la situazione dell’Ilva di Taranto si risolva favorevolmente;

- chiedono alle istituzioni: Provincia, Regione e Governo, di tutelare i lavoratori, assumendosi la responsabilità di intervenire, mettendo in campo tutti gli strumenti utili a risolvere la situazione;

- sollecitano il Governo a promuovere una legislazione in grado di impedire alle multinazionali straniere di delocalizzare in altri Paesi le produzioni per tanti anni realizzate in Italia.


La Presidenza Provinciale ACLI di Cuneo

Cuneo, 15 gennaio 2020
Foto notizia '"Quali misure e politiche per prendersi cura delle persone non autosufficienti” a Torino il 20 Gennaio 2020'
Notizie  15 Gen 14.32
Vi invitiamo all’iniziativa "Quali misure e politiche per prendersi cura delle persone non autosufficienti" , promossa dal Comitato promotore dell’Alleanza per la tutela della non autosufficienza che si terrà
Lunedì 20 gennaio 2020 dalle ore 14,30 alle ore 17,30
Palazzo Lascaris - via Vittorio Alfieri, 15 - Torino

Il Comitato promotore , che è costituito da La Bottega del Possibile, ACLI Torino, ACLI Piemonte, Fondazione Promozione Sociale Onlus, Forum Terzo Settore del Piemonte, Giovanna Cumino, Piero Demetri, Andrea Ferrato, Pasquale Giuliano, Mimmo Lucà, Maurizio Motta e da numerose altre realtà aderenti, ha aperto da circa un anno e mezzo un dibattito pubblico, sia sul piano politico che sul piano culturale, rispetto alla condizione di non autosufficienza che colpisce un numero crescente di persone.

La popolazione anziana è certamente quella più esposta anche a causa dell’allungamento delle aspettative di vita che, per fortuna, si sono affermate nel nostro Paese. La condizione di sofferenza delle persone non autosufficienti a seguito di patologie invalidanti o loro esiti, o colpite dalle diverse forme di demenza, e delle loro famiglie, ha raggiunto livelli insostenibili, che devono imporre azioni fondate su un minimo di sensibilità etica, prima ancora che su scelte politico organizzative.
L’evento del 20 gennaio c.a. è in continuità con le iniziative realizzate a Torino il 21 settembre 2018 e a Cuneo l’8 aprile 2019 e la Presidenza Regionale delle ACLI Piemonte invita tutti i Dirigenti e tutte le realtà del nostro Sistema Aclista piemontese a diffondere e sostenere quest’ultima iniziativa, che mantiene viva l’attenzione in merito alle politiche sociali di sostegno per migliaia di famiglie piemontesi provate dalla sofferenza e dalla crisi.
Come spiegato nell’invito allegato, la partecipazione all’incontro del 20 gennaio 2020 a Torino prevede obbligatoriamente l’adesione alla segreteria de La Bottega del Possibile email: segreteria@bottegadelpossibile.it

Inoltre, indipendentemente dalla partecipazione all’incontro , le adesioni ai contenuti del Manifesto a titolo personale (indicando nome, cognome e qualifica professionale) o come organizzazione, possono essere comunicate sempre alla segreteria de La Bottega del Possibile via email: segreteria@bottegadelpossibile.it

In allegato: il programma dell’evento del 20 gennaio 2020
Foto notizia 'Progetto T.A.L.E.A.: uno spettacolo per sostenere le attività in Benin'
Notizie  22 Nov 2019
Le ACLI Piemonte vi segnalano questa iniziativa e vi invitano a partecipare.

In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, lunedì 25 novembre, alle 20.30, presso il Teatro Rosmini di Borgomanero (No), andrà in scena lo spettacolo musicale “Insieme per il Benin – amare davvero si può”. Lo scopo è quello di organizzare una raccolta fondi a favore del centro in Benin che ospita donne e bambine vittime di tratta, centro dove èattivo T.A.L.E.A., il progetto coordinato dal Comune di Borgomanero e che si avvale, tra gli altri, della collaborazione con EnAIP Piemonte, in particolare della sede di Borgomanero. Il progetto ha l’obiettivo di intensi!care il sostegno fornito alle fasce più vulnerabili della popolazione di Adjohoun, quali donne e adolescenti in età lavorativa.
Sempre nella giornata del 25 novembre, le allieve di EnAIP Borgomanero saranno protagoniste del Flash Mob Young contro la violenza sulle donne, insieme ad altre scuole del territorio. L’iniziativa è curata dall’Assessore alle Pari Opportunità Annalisa Beccaria, e rientra nell’ambito del progetto “Educare alle Emozioni”; la giornata è accuratamente preparata in collaborazione con le Scuole di danza, gli Istituti Scolastici e le Associazioni locali.
Proprio in questi giorni le allieve si sono messe in gioco, e sotto la guida esperta delle insegnanti di ASD Ecole de Danse di Borgomanero, hanno studiato e provato i passi di danza in vista del Flash Mob.
Nella foto, le allieve che parteciperanno al Flash Mob. In allegato la locandina dello spettacolo musicale.
Foto notizia 'Sabato 23 Novembre a Biella la FAP ACLI organizza il convegno: "Vaccinazioni per gli Anziani”'
Notizie  14 Nov 2019
SABATO 23 novembre 2019 alle ore 9:30 presso SALA CONVEGNI DEL MUSEO DEL TERRITORIO Chiostro di San Sebastiano a Biella in Via Quintino Sella 54/B la Fap ACLI Piemonte e Fap ACLI Biella orrganizzano il convegno "Vaccinazioni per gli Anziani". Intervengono: Rosanna Carlevaris (Membro Segretaria Nazionale FAP ACLI), Vincenzo Buttafuoco (Presidente Provinciale ACLI Biella ), Massimo Tarasco (Presidente Regionale ACLI Piemonte).
Relatori:
Prof. Michele Conversan (Presidente Happyageing, Docente universitario), Dott.essa Anna Musso. Vaccini: situazione all’interno dell’ Asl di Biella; (Dipartimento Igiene e Prevenzione Asl Biella ), Dr. Bernardino De Bernardi. Popolazione anziana biellese. (Geriatra, già Direttore Geriatria Ospedale di Biella)
Moderatore: Manuela Colmelet (Direttore de “Il Biellese”)

Conclusioni:
Elio Lingua (Segretario Regionale FAP ACLI Piemonte)

Siete invitati a partecipare

In gestione allegati l’invto, la locandina e il programma



5x1000
Progetti
Contributi da enti pubblici
Foto notizia ' #5x1000 Acli: "Non siamo tutti uguali, come fai a non vederlo?"' #5x1000 Acli: "Non siamo tutti uguali, come fai a non vederlo?"
"Non siamo tutti uguali, come fai a non vederlo? Insieme alle Acli contro povertà e diseguaglianza". Questo il focus della campagna 5x1000 per l’anno 2015.
La povertà e la disuguaglianza in Italia interessano, oltre alle fasce sociali deboli, anche una parte sempre crescente del mondo del lavoro, sia dipendente sia autonomo. Realtà un tempo ritenute al riparo dal rischio di disagio sociale, oggi ne sono colpite. Per far fronte a questa situazione le Acli propongono una piattaforma di proposte politiche ed una serie di attività concrete sul territorio nazionale e internazionale.
Tra le proposte politiche più significative il Reddito di inclusione sociale (Reis) promosso assieme alla “Alleanza contro la povertà” e l’integrazione dei trattamenti pensionistici al minimo vitale promosso assieme alla Fap Acli. La condizione di povertà e diseguaglianza limita le opportunità e rende le persone “invisibili” Per questo l’invito è ad “aprire gli occhi”, riconoscere le situazioni nelle quali povertà e disuguaglianza si manifestano e a impegnarsi in un protagonismo attivo utilizzando tutte le opportunità di scelta. Compreso la scelta di impegnarsi e di scegliere a chi destinare il proprio 5xmille.
Più di un centinaio i progetti territoriali realizzati ogni anno. Una piccola parte legata alle attività internazionali di volontariato e cooperazione e il resto diffuso sul territorio nazionale.
Ne emerge una mappatura territoriale di criticità e nuove povertà ma anche di persone che hanno scelto di impegnarsi per contrastarle.

Cos'è il 5x1000
Ogni anno lo Stato Italiano destina una quota delle tue imposte (il 5x1000 dell’Irpef) a supportare enti che svolgono attività socialmente rilevanti.
Scegliere a chi destinare questa quota è molto semplice ma soprattutto è gratis.Non farlo lascia automaticamente la tua imposta nel bilancio generale dello Stato.
La scelta non è alternativa a quella di destinazione dell’8xmille. Si possono fare entrambe.

Come devolvere il 5x1000
Per esprimere la tua scelta basta una firma al momento della dichiarazione dei redditi, sul Modello Unico o sul Modello 730.
Chi è dispensato dall’obbligo di presentare la dichiarazione può comunque scegliere con l’apposita scheda allegata al CU.
Il riquadro da firmare è quello destinato alle Associazioni di Promozione Sociale e il codice fiscale da inserire è 80053230589.

Partecipa e condividi
Aiutaci a promuovere l'azione sociale delle Acli attraverso la scelta del 5x1000.

#Sceglitu
Foto notizia 'Progetto Pegaso: primi appuntamenti per promuovere l’associazionismo tra gli immigrati' Progetto Pegaso: primi appuntamenti per promuovere l’associazionismo tra gli immigrati
Il progetto PEGASO, finanziato dal Fondo Europeo per l’Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi 2007–2013, intende favorire il protagonismo delle associazioni e dei cittadini e delle cittadine immigrati e immigrate, sostenendo il ruolo delle associazioni e dei cittadini stranieri come agenti per promuovere lo sviluppo del loro capitale umano e sociale e della loro integrazione socioculturale, economica, civile sul territorio dell’Astigiano. Il progetto è promosso dalle ACLI Piemonte, Enaip Piemonte, PIAM onlus - Progetto Integrazione Accoglienza Migranti, LA STRADA SCS e JOKKO SCS.

Alla rete di progetto hanno aderito, oltre alle ACLI Astigiane anche il Comune di Asti, la Commissione Diocesana Migrantes di Asti e l’Associazione Daleialei - Donne associate liberamente e in accoglienza di lei - sempre di Asti.

Sabato 4 Ottobre si svolgeranno i primi due workshop:

• dalle 10 alle 13 ad ASTI presso il Centro culturale San Secondo Via Carducci 22
• dalle 16 alle 19 a CANELLI (Asti) presso Centro San Paolo Viale Italia 15

Questi appuntamenti vogliono essere un primo momento di scambio finalizzato a condividerecriticità, fabbisogni, potenziali ambiti di collaborazione con i cittadini stranieri.

Chi fosse interessato può contattare il

Centro Culturale Cittadino San Secondo
Via Carducci 22 -ASTI
Tel .0141354030
progettopegaso@aclipiemonte.it
Foto notizia 'Contributi 2019' Contributi 2019
 Contributi da enti pubblici 2019


-Contributo Progetto "Oltre la Povertà" Regione Piemonte.      -100.720,00 Euro.        Incassato il 5/04/2019
-Contributo Progetto Fami Azione 4 Regione Piemonte.          -  15.002,02 Euro.        Incassato il 17/12/2019


L’amministrazione




Foto notizia 'Volti dal Progetto FAMI INTERAZIONI-ASSOCIAZIONI'
Editoriali  29 Nov 2018
La presentazione delle foto scatatte durante il Progetto INTERTAZIONI-AssociAzioni realizato dalle ACLI Piemonte per la Regione Piemonte.



 


 
Foto notizia 'FAMI INTERAZIONI-ASSOCIAZIONI... Un percorso lungo un anno!'
Editoriali  29 Nov 2018
 Un percorso lungo un anno, di incontri, attese, progetti, volti e ricchezze. Ecco il video del progetto FAMI INTERAZIONI-AssociAzione che le ACLI Piemonte hanno realizzato per conto della Regione Piemonte nel territorio di Cuneo. Una splendita esperienza che cerchiamo di ripercorrere in 15 minuti di testimonianze e immagini. Un grazie ad Andrea Icardi che lo ha realizzato.
 
 
 
 
Foto notizia 'E’ uscito il numero di OTTOBRE 2019 di ACLIline “Speciale Promotori Sociali ACLI"'
Sviluppo Associativo  22 Ott 2019
E’ uscito il numero di OTTOBRE 2019 di ACLIline -La newsletter del Sistema ACLI Piemonte.
Numero speciale in occasione del Corso e della Assemblea dei Promotori Sociali di sistema di  ACLI Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta che si terranno a Noli e a Spotorno (Savona) dal 28 al 31 di Ottobre. Una occasione da non perdere.

Trovate il pdf in gestione allegati

BUONA LETTURA

Il Referente Comunicazione Sistema ACLI Piemonte
Fabio Protasoni

La Segreteria Reg.le Sistema ACLI Piemonte
Adriana Nitto
Foto notizia 'MASSIMO TARASCO ELETTO PRESIDENTE DELLE ACLI PIEMONTE'
Congresso regionale  02 Maggio 2016
Si è riunito, Venerdì 29 Aprile 2016 a Torino, il Consiglio Regionale delle ACLI Piemonte eletto dal recente Congresso Regionale con all’ordine del giorno la nomina degli organi statutari. Il Consiglio ha eletto, all’unanimità, Presidente Regionale per il quadriennio 2016-2020 l’uscente MASSIMO TARASCO che inizia così il suo secondo mandato alla guida dell’associazione.
Massimo Tarasco, 52 anni di Torino, sposato con due figli, ha guidato le ACLI Piemonte dal 2012 sostenendo in particolare i processi di integrazione del Sistema Aclista Regionale (Circoli, Patronato, EnAIP, CAF, ACLI Colf, CTA, FAP ACLI, US ACLI, cooperazione sociale...), l’impegno sui temi del lavoro, del welfare, la battaglia per l’introduzione di politiche attive contro la povertà, tenendo sempre insieme momenti di formazione con l’azione sociale.
Il Presidente TARASCO, ringraziando per la rinnovata fiducia, ha ribadito il bisogno di affrontare la fase che stiamo attraversando nella continuità di ACLI Piemontesi coese e determinate.
“I risultati che abbiamo raggiunto nei quattro anni passati sono arrivati perché abbiamo investito su un vero “gioco di squadra” a livello Regionale, nella comune consapevolezza che “l’essersi riconosciuti” vicendevolmente fra Province e Settori del nostro Sistema Aclista, è stata la condizione essenziale per le sfide che abbiamo affrontato insieme”
Tutti i Consiglieri intervenuti hanno convenuto nel dare un giudizio molto positivo del XIII Congresso Regionale svoltosi a Cuneo il 16 e 17 Aprile e sottolineato positivamente i contenuti programmatici e politici che sono emersi. Ora le ACLI Piemontesi si apprestano a vivere insieme il 25° Congresso Nazionale che si svolgerà a Livorno dal 5 all’8 Maggio e che concluderà il lungo percorso democratico dell’associazione.

TORINO, 2 MAGGIO 2016


In gestione allegati le foto del Consiglio
Foto notizia 'Dal 5 all’8 maggio prossimi il XXV Congresso Nazionale delle Acli'
Congresso regionale  28 Apr 2016
Roma, 28 aprile 2016 - «Niente paura. Con le Acli attraversiamo il cambiamento» è il titolo del XXV Congresso nazionale delle Acli (Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani) che si aprirà a San Vincenzo (Livorno) tra una settimana, giovedì 5 maggio e proseguirà fino a domenica 8 maggio prossimi.
Per la venticinquesima volta nel corso della loro storia settantennale le Acli celebrano il Congresso per dibattere i temi prioritari dell'agenda sociale e civile del Paese: dalla riforma del welfare alla previdenza, alla lotta alla povertà, al lavoro e alla partecipazione democratica.
I lavori del Congresso si apriranno giovedì pomeriggio 5 maggio, mentre venerdì mattina ci sarà la relazione del presidente nazionale Gianni Bottalico. Sabato e domenica, infine, le votazioni del Presidente e del Consiglio Nazionale. Nel corso dei lavori sono previsti, insieme ai saluti istituzionali, gli interventi di numerosi ospiti del mondo dell'associazionismo, del terzo settore, della politica.
L'hashtag per le reti sociali del Congresso è #AcliNientePaura
www.acli.it
Il Congresso si svolge al Garden Club Toscana, in Via della Principessa km. 17,500 - San Vincenzo (LI).
Foto notizia 'Si è concluso il XIII CONGRESSO REGIONALE ACLI PIEMONTE'
Congresso regionale  18 Apr 2016
Si è concluso ieri a Cuneo il XIII Congresso regionale delle ACLI Piemonte.
Tre giornate intense con il prologo del convegno su “Dopo JOBS ACT in Piemonte: tra Lavoro e Formazione Professionale” organizzato da ACLI Piemonte con EnAIP Piemonte svoltosi Venerdì 15 Aprile. Importanti le interlocuzione e gli ospiti che hanno voluto essere presenti alle varie parti dell’iniziativa. Venerdì il Sottosegretario Al Lavoro Gigi Bobba e l’Assessore Regionale Gianna Pentenero hanno risposto alle sollecitazioni del Presidente Regionale Massimo Tarasco e del Presidente di Enaip Piemonte Luca Sogno sul tema del lavoro in Piemonte. Insieme a Marco Canta portavoce del Forum Del Terzo Settore e a Marcello Maggi della segreteria regionale della CISL si è cercato di mettere a tema l’impatto della crisi occupazionale in Piemonte e gli effetti della nuova normativa.
Sabato il Congresso è entrato nel vivo con la relazione del Presidente Tarasco.
“Mi piacerebbe” - ha esordito il Presidente - “che questo Congresso, senza perdere di vista il proprio compito di verifica politica e organizzativa del quadriennio passato e quello di analisi e di programmazione di quello futuro, trovasse il tempo e la forza di “ri-portare al cuore”... “l’anima delle ACLI”...il senso profondo e più autentico del nostro stare insieme.Crisi economica, terrorismo, guerre, razzismo, violenza, sfruttamento, miseria, corruzione, mettono a rischio l’anima della nostra stessa società. Spingono alla disgregazione sociale, all’individualismo, alla rassegnazione e all’indifferenza.”
In particolare il presidente Tarasco si è soffermato, nella sua relazione, sul tema dell’Europa e della crisi economica e italiana:
“A fronte di un progetto di unione politica ed economica che ha spinto i padri fondatori a tentare una impresa storica, l’Europa di oggi, pur rimanendo una conquista preziosa fatta di pace e prosperità, è ferma sul piano dell’integrazione istituzionale, su quello dell’espansione economica e, soprattutto, su quello dell’autorevolezza politica come soggetto forte e unitario negli equilibri mondiali.”
“Se l’Europa avrà la volontà di reagire lo spazio di rigenerazione e di recupero del nostro continente è evidente a tutti. L’Europa può essere ancora il catalizzatore di una stagione di pace e di sviluppo mondiale, non solo per le energie ideali e storiche che possiede ma anche per la sua collocazione geo-politica. Forse non è un caso che sia l’obiettivo principale delle forze terroristiche di questo ultimo periodo.”
Le ACLI sono preoccupate, in particolare, per la situazione politica e per l’efficacia delle istituzioni nel reagire alla crisi sociale. “La questione vera” - si continua a leggere nella relazione - “è che non c’è un riformismo efficace senza partecipazione, senza che le idee e le innovazioni che la politica propone siano capaci di diventare un patrimonio comune capace di essere sostenute dalle persone che le dovrebbero assumere.
Non c’è un cambiamento possibile senza un nuovo rapporto tra Politica e Società e senza una cultura politica nuova, capace di dare alla Democrazia del nostro Paese nuovi strumenti di partecipazione e di protagonismo delle persone.”
A queste sollecitazioni ha reagito per primo il Presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino che ha ribadito la disponibilità della Regione a lavorare con le ACLI sulle priorità individuate dalla relazione e in particolare sul tema della della lotta alla povertà e del lavoro.
Tra gli altri sono intervenuti anche il Viceministro all’Agricoltura Andrea Olivero, il Segretario Generale della CISL Alessio Ferraris e il sindaco Federico Borgna.
Il Congresso è stato anche accompagnato dalla Messa per i delegati officiata dal Vescovo di Cuneo Mons. Piero Delbosco e dal Direttore della Pastorale Sociale e del Lavoro Piemontese don Flavio Luciano. Le conclusioni sono state di Stefano Tassinari della Presidenza Nazionale ACLI.
In chiusura del congresso sono stati eletti i 16 componenti del nuovo Consiglio regionale Acli Piemonte.
Il più votato è stato il Presidente in carica, Massimo Tarasco (Torino) con 42.000 voti seguito da Mario Tretola (Cuneo) 37.200 e Mara Ardizio (Novara) 34.600.

Risultano eletti anche: Luca Sogno (Vercelli), Gilberto Rollino (Biella), Marina Bisio (Alessandria), Elio Lingua (Cuneo), Roberto Genta (Asti), Roberto Santoro (Torino), Liliana Magliano (Torino), Claudio Ferrato (Vco), Raffaella Dispenza (Torino), Paolo Giordano (Cuneo), Maria Luisa Martello (Cuneo), Giovanna Martini (Cuneo) e Carmelina Nicola (Torino).

Tra una decina di giorni il Consiglio si riunirà per eleggere il nuovo Presidente. Candidato unico per il secondo mandato è lo stesso Massimo Tarasco.

Torino 18 Aprile 2016

In allegato la Relazione Congressuale e la rassegna stampa