img
Notizie  04 Lug 16.18
 L’agricoltura sostenibile richiede nuove competenze e nuovi approcci al lavoro. Quando questo accade il lavoro cambia l’agricoltura. Il seminario prende spunto dalla pubblicazione "Tutti giù per (la) Terra", curata da Claudia Galetto e Roberto Genta, risultato di un confronto condotto nell’Astigiano tra aziende, istituzioni e associazioni, sulle possibilità inedite offerte dalle nuove forme di agricoltura per lo sviluppo dei territori.
Verranno inoltre presentate e interrogate tre esperienze "virtuose" da un punto di vista ambientale, sociale e territoriale, localizzate nell’Alessandrino, Cuneese e Astigiano, che incorporano i valori della sostenibilità nel loro modello aziendale.
Sono aziende e cooperative agricole che hanno operato scelte controcorrente in territori ancora in parte marginali, trasformando i limiti del territorio in valore produttivo.
A dibatterne sono stati invitati due esponenti di Coldiretti Piemonte e delle ACLI Nazionali che illustreranno come lavoro, nuova agricoltura, stiano in un rapporto fecondo e promettente.
Per la Regione Piemonte, Ires Piemonte, Città di Asti, ACLI Asti e Piemonte questo incontro rappresenta la tappa del percorso già avviato e che proseguirà con l'indagine su nuove forme di economia locale, tali da identificare le "green communities".
Interverranno tra gli altri Mario Viano, presidente Ires Piemonte, Alberto Valmaggia, assessore all’Ambiente, Regione Piemonte, Massimo Tarasco, presidente Regionale ACLI Piemonte, Fabrizio Galliati, presidente Coldiretti Piemonte, Stefano Tassinari, vice presidente nazionale ACLI.

SEMINARIO

Il lavoro che cambia l’agricoltura

Venerdì 6 luglio 2018, dalle 9 alle 13

Sala Conferenze
IRES Piemonte,
Via Nizza 18, Torino

img
Notizie  27 Giu 11.35
Con piacere vi invitiamo a queste iniziative organizzate dalle Acli Colf Torino.
Presidenza Regionale ACLI Piemonte

Con le ACLI Colf di Torino per socializzare, condividere, confrontare, approfondire le proprie conoscenze ed esperienze

Le ACLI Colf di Torino organizzano due incontri

Domenica 1 Luglio ore 9.30
Visita guidata del Borgo Medievale + Rocca al Parco del Valentino- Viale Virgilio 107

Martedì 3 Luglio alle ore 15.00
presso la sala Ecumene delle ACLI in via Ettore Perrone n° 5 a Torino :
′′Ci prendiamo cura di te′′ (Incontro di informazione e orientamento nel lavoro domestico).
img
Notizie  20 Giu 07.56
La Regione Piemonte, capofila del Progetto “AssociAzione”, intende rafforzare le associazioni di immigranti o di giovani stranieri di seconda generazione, promuovendone la loro partecipazione ai processi sociali di inclusione, mediazione sociale e pianificazione delle politiche di integrazione.
Insieme alle ACLI Piemonte, partner del Progetto, organizza questo incontro con la partecipazione di LAURA MALANCA Responsabile Regionale ACLI COLF Piemonte

Giovedì 5 luglio 2018
dalle ore 17:30 alle ore 20:30

Siete invitati a partecipare!
img
Notizie  18 Giu 09.43
Vi segnaliamo e vi invitiamo a partecipare all'edizione 2018 di ACLINFESTA delle ACLI Cuneo. In allegato tutta la documentazione.
Presidenza Reg.le ACLI Piemonte

"Invitiamo tutti a partecipare ad ACLINFESTA 2018, la grande festa per tutti e per le famiglie, organizzata dalle ACLI provinciali di Cuneo, che si svolgerà domenica 24 giugno al Forte di Vinadio.
Alla giornata, a cui prenderanno parte i vertici delle ACLI cuneesi e che rappresenterà, come sempre, una straordinaria occasione per incontrarsi, fare festa e insieme riflettere sul tema della edizione 2018: “Valore lavoro”, sono stati invitati anche il Presidente Regionale Massimo Tarasco; il Presidente Nazionale U.S. ACLI Damiano Lembo e Regionale Fausto Costero, il Presidente della Provincia, Federico Borgna, oltre a tutti i parlamentari della provincia.
Dopo i saluti di rito, ci sarà la S. Messa, celebrata da don Flavio Luciano, accompagnatore spirituale delle Acli di Cuneo, seguita dal pranzo comunitario a base di polenta, spezzatino e salsiccia, preparata dal Gruppo degli Alpini e della Protezione Civile di Spinetta Oltregesso di Cuneo
Anche quest'anno si potranno conoscere nuovi progetti di solidarietà e tante iniziative concrete realizzate dai Circoli e, come già in passato, saranno consegnati dei riconoscimenti a soci e dirigenti dei Circoli che si sono particolarmente distinti nell’impegno sociale e nelle iniziative dell’Associazione.
Durante la festa ci saranno momenti di allegria, musica e intrattenimento, per stare bene insieme e trascorrere una giornata di aggregazione, col sapore genuino della vera amicizia."


In gestione allegati il Programma

img
Notizie  12 Giu 12.00
Come ACLI Regionali del Piemonte, membri del Forum Permanente del Terzo Settore, comunichiamo la nostra adesione e partecipazione invitando tutti a fare lo setsso.

Presidenza Regionale ACLI Piemonte


“Terzo settore, uguali diritti! L’impegno del Terzo settore nella lotta alla disparità di genere”: è questo il titolo dell’evento, organizzato da Forum Nazionale Terzo Settore e Forum Terzo Settore del Piemonte, che si svolgerà il 14 giugno presso il Centro Studi Sereno Regis di Torino (in via Garibaldi 13). Una giornata di riflessione e scambio di idee e buone pratiche, nell’ambito del Festival dello Sviluppo Sostenibile di ASviS, durante la quale il tema dell’uguaglianza di genere verrà affrontato anche rispetto al fenomeno della violenza online sulle donne e alla relazione con la cultura patriarcale.

L’appuntamento, dedicato all’Obiettivo 5 (Uguaglianza di genere) dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, vedrà una tavola rotonda alla quale parteciperanno Anna Di Mascio e Marco Canta (portavoce Forum Terzo Settore del Piemonte), Monica Cerutti (Assessora alle Politiche giovanili, Cooperazione decentrata Internazionale, Pari Opportunità e Immigrazione), Laura Linda Sabbadini (Ricercatrice Istat, editorialista della Stampa), Ilaria Zomer (Centro Studi Sereno Regis), Sara Filippi (Centro Donna Arci Valle Susa), Davide Bertolino e Domenico Matarozzo (Associazione Il Cerchio degli Uomini), Manuela Clayssez (Responsabile Politiche di Genere e Diritti Uisp Nazionale), Norma De Piccoli (Docente di Psicologia di Comunità, Università degli Studi di Torino, Dipartimento di Psicologia). Inoltre, interverranno numerosi giovani rappresentanti del Terzo settore piemontese, raccontando le loro esperienze all’interno delle organizzazioni, condividendo riflessioni e spunti di azione per il futuro.

“C’è una grande presenza femminile all’interno del Terzo settore”, racconta Anna Di Mascio, portavoce del Forum Terzo Settore del Piemonte, “e anche per questo motivo abbiamo una sensibilità che ci porta naturalmente a immaginare aiuti rivolti alle donne, in particolare a quelle vittime di violenza. L’acquisizione di consapevolezza della gravità dei fenomeni di discriminazione e violenza, non solo fisica, nei confronti delle donne è il primo passo per combatterli, e l’iniziativa del 14 giugno è pensata anche per avvicinare chi non ha avuto ancora il coraggio di denunciare o chiedere supporto”.

“L’impegno per modelli di sviluppo sostenibile, capaci di ridurre le disuguaglianze, accomuna milioni di persone, operatori, volontari e dirigenti di Terzo settore che ogni giorno portano avanti progetti e azioni volte a costruire una società più equa e inclusiva, dove benessere della collettività, rispetto e tutela dei diritti umani, delle diversità e dell’ambiente siano considerati da tutti delle priorità e responsabilità”, dichiara la portavoce del Forum Terzo Settore, Claudia Fiaschi. “Sono molti i segnali sociali, ambientali e anche economici che ci mettono in guardia rispetto ai pericoli a cui andiamo incontro quando ci allontaniamo dai sentieri di uno sviluppo sostenibile: i cambiamenti climatici e l’inquinamento, l’intolleranza e l’odio verso il diverso, le discriminazioni sociali, la povertà”.
“Ci sono però anche tanti segni di speranza”, prosegue Claudia Fiaschi: tra questi l’imponente capitale di solidarietà e una solida architettura sociale nelle nostre comunità, di cui le azioni e le progettualità del Terzo settore italiano sono una stupefacente e inesauribile testimonianza. Il Forum Terzo Settore, che con le sue organizzazioni mobilita per gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) oltre 80.000 volontari e più di 7.000 lavoratori, raggiungendo 11 milioni di beneficiari diretti, non può che essere orgogliosamente protagonista di questo percorso, che speriamo proceda sempre più spedito”.

In allegato locandina e programma
img
Notizie  01 Giu 09.58
Diffondiamo e condividiamo il comunicato delle ACLI Nazionali sulla ricerca promossa da IREF Acli e Coordinamento Donne Acli, “Valore lavoro. Strategie e vissuti di donne nel mercato del lavoro”, che verrà presentata oggi in Senato. 

Presidenza Regionale ACLI Piemonte


Roma, 1 giugno - «Essere giovani e donne costituisce ancora un doppio svantaggio nel mercato del lavoro». Questo il dato che emerge dalla ricerca promossa da IREF Acli e Coordinamento Donne Acli, “Valore lavoro. Strategie e vissuti di donne nel mercato del lavoro”, che verrà presentata oggi in Senato. «Il dato più allarmante» osserva Agnese Ranghelli, sociologa e Responsabile nazionale del Coordinamento Donne Acli «riguarda la propensione femminile al lavoro in deroga». Rispetto ai coetanei, «le donne lavoratrici sono altamente propense (ben 8 punti percentuali in più) ad accettare condizioni lavorative penalizzanti, dequalificanti, laddove non irregolari e vessatorie, in deroga, appunto ai propri diritti. E questo avviene nonostante una maggiore sensibilità verso le tematiche di tipo sindacale, sociale ed associativo» prosegue la Coordinatrice. Questo dato è significativo di un perdurare di stereotipi che «condizionano per prime le donne stesse» osserva Ranghelli. D’altra parte, «sono il 60% le donne intervistate che percepiscono il proprio lavoro come insicuro, a fronte del 47,5% dei lavoratori». Ciò è pesantemente inficiato dalla ragionevole certezza femminile che il lavoro di cura, che resta in carico alle donne nella quasi totalità dei casi, prima o dopo determinerà, se non la fuoriuscita, senz’altro penalizzazioni sul lavoro: «Gli stereotipi, i condizionamenti, i tradizionali modelli di ruolo determinano non solo le possibilità di avanzamento di carriera delle donne, ma persino il loro ingresso nel mercato del lavoro e le loro decisioni: il 32,2% delle giovani ha affermato di essersi fatta condizionare dal partner nella scelta occupazionale, a fronte del 24% dei coetanei maschi» osserva Ranghelli. Insomma «restiamo un po’ nemiche di noi stesse, influenzate, nelle scelte, anche dalle indicazioni materne» osserva Ranghelli. Ci sono professioni chiave, come quella dell’insegnante, che restano in larga parte prerogativa ed ambizione femminile, «però solo 6 Rettori su 21, in Italia, sono donne: quando arriviamo ai vertici delle piramidi, le donne restano un passo indietro». La femminilizzazione delle professioni educative «contribuisce, in qualche modo, ad alimentare atteggiamenti e percezioni di sé che non abbandonano mai le donne». Il Coordinamento Donne Acli lancia, con l’occasione, un appello al nuovo Governo che va formandosi, «perché rafforzi l’impegno nei confronti dell’occupazione femminile, sradicando ogni forma di discriminazione sul lavoro, di differenze retributive, di penalizzazione, anche per tramite di incentivi alle misure di conciliazione dei tempi di lavoro e vita ed aumentando le tutele nei confronti di chi si dedica al lavoro di cura, per diminuire le condizioni di minorità che le lavoratrici si portano dietro sin dal loro affacciarsi sul mercato del lavoro» conclude Agnese Ranghelli.
img
Notizie  21 Maggio 13.20
Vi segnaliamo questo importante incontro di studio organizzato dall'Università di Torino sul tema del REI. Alla giornata partecipa Massimo Tarasco Presidente delle ACLI Piemonte e Coordinatore Alleanza contro la povertà Piemonte.

La Redazione

21 maggio 2018, presso Aula Magna del Campus Luigi Einaudi, lungo Dora Siena 100 Torino

GIORNATA DI LAVORO SUL REDDITO DI INCLUSIONE (ReI):

programma
Ore 9,30. SALUTI ED INTRODUZIONE (prof.ssa Manuela Naldini, Presidente del Corso di Laurea Magistrale in Politiche e Servizi Sociali)
Relazioni
IL SOSTEGNO AL REDDITO NEL QUADRO DELLE MISURE DI CONTRASTO DELLAPOVERTÀ
(prof.ssa Chiara Saraceno, Collegio Carlo Alberto di Torino)
CHE COSA SI POTREBBE MIGLIORARE NEL REI?
(prof. Maurizio Motta, corso di Laurea Magistrale in Politiche e Servizi Sociali)
NON SOLO EROGAZIONE ECONOMICA: RETORICHE, PRATICHE E TRAPPOLE DELL'ATTIVAZIONE
(prof. Sandro Busso e prof.ssa Antonella Meo, corso di Laurea Magistrale in Politiche e Servizi Sociali)
NARRAZIONI, DIALOGHI, QUESITI: IL PROCESSO DI VALUTAZIONE NEL REI
(prof.ssa Cristiana Pregno, corso di Laurea Magistrale in Politiche e Servizi Sociali)
Interventi dal pubblico, risposte dei relatori, dibattito Intervallo pranzo: ore 12,45 – 14
Interventi (ore 14)
GLI ATTORI DEL REI, TRA POLICY MAKING ED IMPLEMENTAZIONE: NODI INCONTRATI, ESPERIENZE, PUNTI DI VISTA.
IL PUNTO DI VISTA DEGLI ENTI GESTORI DEI SERVIZI SOCIALI (Dr.ssa Ellade Peller, Presidente del Coordinamento Enti gestori dei servizi sociali piemontesi)
ESPERIENZE DI ORGANIZZAZIONE E STRUMENTI ATTIVATI IN SERVIZI SOCIALI LOCALI:
- NEL COMUNE DI TORINO (Dr.ssa Sonia Schellino, Assessore alla salute, politiche sociali e abitative del Comune di Torino)
- NEL CONSORZIO SOCIO-ASSISTENZIALE ALBA – LANGHE – ROERO (Dr. Marco Bertoluzzo, Direttore del Consorzio)
I SERVIZI PER IL LAVORO NEL REI: POSSIBILI FUNZIONI E RAPPORTI CON I SERVIZI SOCIALI (Dr. Claudio Spadon, Direttore Agenzia Piemonte Lavoro)
LA SOCIETÀ CIVILE TRAMITE L’ALLEANZA CONTRO LA POVERTÀ (Dr. Massimo Tarasco, Coordinatore Alleanza contro la povertà Piemonte)
IL SOSTEGNO AL REDDITO NEL QUADRO DELLE MISURE DI CONTRASTO DELLAPOVERTÀ STRATEGIE E AZIONI DELLA REGIONE PIEMONTE
(Dr. Augusto Ferrari, Assessore alle Politiche sociali, della famiglia e della casa della Regione Piemonte)
Ore 16,15- 17,15 Interventi dal pubblico, risposte dei relatori, dibattito


In gestione allegati il programma completo
img
Notizie  15 Maggio 07.53
Vi segnalo l'importante evento delle ACLI di Novara nell'ambito delle progettualità 5x1000 e vi invito a partecipare.  
Massimo Tarasco 
Presidente Reg.le ACLI Piemonte

Inviamo in allegato l’invito per l’evento che si terrà DOMENICA 20 MAGGIO 2018 a Mezzomerico presso la Cantina Crola in Via Vergiasca 9 alle ore 18.30, nell’ambito del progetto 5 x 1000 annualità 2015 delle ACLI Provinciali di Novara in collaborazione con l’Associazione di Bellinzago Quelli del Sabato, che si occupa di ragazzi diversamente abili ed in collaborazione con la Cantina Crola di Mezzomerico e lo Chef David Marchiori di Venezia. All’evento sarà presente la Signora Erica Mastrociani membro di Presidenza Nazionale delle ACLI con delega alla Formazione.
img
Notizie  11 Maggio 11.16
Vi segnalo e vi invito a partecipare a questo importante evento organizzato dall'USACLI Torino. In allegato tutta la documentazione.
Massimo Tarasco
Presidente Reg.le ACLI Piemonte
 


Carissimi,
allego alla presente l'invito al Congresso Medico Scientifico, nell'ambito del progetto Borgosalus che ci vedrà impegnati come Us Acli Torino in questa importante iniziativa, alla quale mi farebbe piacere avere la vostra partecipazione.

Borgosalus è un progetto contenitore, un festival di educazione al benessere promosso dall’Unione Sportiva Nazionale al fine di attivare e divulgare percorsi di sensibilizzazione rivolti alla cittadinanza su salute e corretti stili di vita. Il congresso di giovedì 17 e il convegno di sabato 19 sono stati accreditati ECM per il personale medico-sanitario, pertanto se ci fossero persone interessate trovate le schede d'iscrizione allegate.


Resto a disposizione per qualsiasi chiarimento, in attesa d'incontrarvi vi auguro una buona giornata


Cristina Perina
Presidente Provinciale
US ACLI TORINO
img
Notizie  10 Maggio 10.47
 Vi segnalo e Vi invito a partecipare al Seminario di studio "Corridoi umanitari e progetti di accoglienza Proposte per un’integrazione condivisa in Piemonte" che si svolgerà a Torino il 26 maggio 2018 presso Officina 8 marzo in c.so Trapani 95. Un occasione per guardare in faccia al tema dei profughi e trovare soluzioni concrete.

Massimo Tarasco
Presidente Reg.le ACLI Piemonte

"Un anno fa la famiglia Alabdallah, mamma papà e 9 figli, si lasciava alle spalle il campo profughi di Tel Abbas in Libano e raggiungeva il nostro paese. Senza rischi, senza affidarsi a trafficanti di uomini, grazie ai corridoi umanitari messi in campo da un accordo tra il nostro Governo, quello Libanese, la Comunità di Sant’Egidio, la Tavola Valdese con la collaborazione di Operazione Colomba, corpo di Pace della Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII che condivide con i profughi siriani la vita nei campi del Libano e che si è fatta tramite presso tante comunità e famiglie in tutta Italia per trovare ospitalità a questi nuclei.
La famiglia Alabdallah è stata accolta dalle Parrocchie dell’Unità Pastorale 9 di Torino e dalla Comunità del Filo d’Erba del Gruppo Abele a Rivalta ed ora, grazie all’impegno di tanti volontari, intravvede la possibilità di un futuro più sereno.
Un’esperienza che ha messo in evidenza il valore dei Corridoi umanitari, ma anche tanti limiti nel sistema, la possibilità concreta di realizzare una accoglienza anche numerosa, ma al tempo stesso le difficoltà e le possibilità di migliorare ancora, anche sulla base di una esperienza in corso in Trentino Alto Adige.
Di questo si parlerà nel convegno pensato per celebrare il primo anniversario dell’arrivo in Italia della famiglia Alabdallah e rivolto a gruppi, associazioni, comunità ecclesiali interessate a rendere eventualmente possibile un altro progetto di accoglienza di una famiglia di profughi siriani."
 Notizie successive >>