img
Congresso regionale  02 Maggio 2016
Si è riunito, Venerdì 29 Aprile 2016 a Torino, il Consiglio Regionale delle ACLI Piemonte eletto dal recente Congresso Regionale con all’ordine del giorno la nomina degli organi statutari. Il Consiglio ha eletto, all’unanimità, Presidente Regionale per il quadriennio 2016-2020 l’uscente MASSIMO TARASCO che inizia così il suo secondo mandato alla guida dell’associazione.
Massimo Tarasco, 52 anni di Torino, sposato con due figli, ha guidato le ACLI Piemonte dal 2012 sostenendo in particolare i processi di integrazione del Sistema Aclista Regionale (Circoli, Patronato, EnAIP, CAF, ACLI Colf, CTA, FAP ACLI, US ACLI, cooperazione sociale...), l’impegno sui temi del lavoro, del welfare, la battaglia per l’introduzione di politiche attive contro la povertà, tenendo sempre insieme momenti di formazione con l’azione sociale.
Il Presidente TARASCO, ringraziando per la rinnovata fiducia, ha ribadito il bisogno di affrontare la fase che stiamo attraversando nella continuità di ACLI Piemontesi coese e determinate.
“I risultati che abbiamo raggiunto nei quattro anni passati sono arrivati perché abbiamo investito su un vero “gioco di squadra” a livello Regionale, nella comune consapevolezza che “l’essersi riconosciuti” vicendevolmente fra Province e Settori del nostro Sistema Aclista, è stata la condizione essenziale per le sfide che abbiamo affrontato insieme”
Tutti i Consiglieri intervenuti hanno convenuto nel dare un giudizio molto positivo del XIII Congresso Regionale svoltosi a Cuneo il 16 e 17 Aprile e sottolineato positivamente i contenuti programmatici e politici che sono emersi. Ora le ACLI Piemontesi si apprestano a vivere insieme il 25° Congresso Nazionale che si svolgerà a Livorno dal 5 all’8 Maggio e che concluderà il lungo percorso democratico dell’associazione.

TORINO, 2 MAGGIO 2016


In gestione allegati le foto del Consiglio
img
Congresso regionale  28 Apr 2016
Roma, 28 aprile 2016 - «Niente paura. Con le Acli attraversiamo il cambiamento» è il titolo del XXV Congresso nazionale delle Acli (Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani) che si aprirà a San Vincenzo (Livorno) tra una settimana, giovedì 5 maggio e proseguirà fino a domenica 8 maggio prossimi.
Per la venticinquesima volta nel corso della loro storia settantennale le Acli celebrano il Congresso per dibattere i temi prioritari dell'agenda sociale e civile del Paese: dalla riforma del welfare alla previdenza, alla lotta alla povertà, al lavoro e alla partecipazione democratica.
I lavori del Congresso si apriranno giovedì pomeriggio 5 maggio, mentre venerdì mattina ci sarà la relazione del presidente nazionale Gianni Bottalico. Sabato e domenica, infine, le votazioni del Presidente e del Consiglio Nazionale. Nel corso dei lavori sono previsti, insieme ai saluti istituzionali, gli interventi di numerosi ospiti del mondo dell'associazionismo, del terzo settore, della politica.
L'hashtag per le reti sociali del Congresso è #AcliNientePaura
www.acli.it
Il Congresso si svolge al Garden Club Toscana, in Via della Principessa km. 17,500 - San Vincenzo (LI).
img
Congresso regionale  18 Apr 2016
Si è concluso ieri a Cuneo il XIII Congresso regionale delle ACLI Piemonte.
Tre giornate intense con il prologo del convegno su “Dopo JOBS ACT in Piemonte: tra Lavoro e Formazione Professionale” organizzato da ACLI Piemonte con EnAIP Piemonte svoltosi Venerdì 15 Aprile. Importanti le interlocuzione e gli ospiti che hanno voluto essere presenti alle varie parti dell’iniziativa. Venerdì il Sottosegretario Al Lavoro Gigi Bobba e l’Assessore Regionale Gianna Pentenero hanno risposto alle sollecitazioni del Presidente Regionale Massimo Tarasco e del Presidente di Enaip Piemonte Luca Sogno sul tema del lavoro in Piemonte. Insieme a Marco Canta portavoce del Forum Del Terzo Settore e a Marcello Maggi della segreteria regionale della CISL si è cercato di mettere a tema l’impatto della crisi occupazionale in Piemonte e gli effetti della nuova normativa.
Sabato il Congresso è entrato nel vivo con la relazione del Presidente Tarasco.
“Mi piacerebbe” - ha esordito il Presidente - “che questo Congresso, senza perdere di vista il proprio compito di verifica politica e organizzativa del quadriennio passato e quello di analisi e di programmazione di quello futuro, trovasse il tempo e la forza di “ri-portare al cuore”... “l’anima delle ACLI”...il senso profondo e più autentico del nostro stare insieme.Crisi economica, terrorismo, guerre, razzismo, violenza, sfruttamento, miseria, corruzione, mettono a rischio l’anima della nostra stessa società. Spingono alla disgregazione sociale, all’individualismo, alla rassegnazione e all’indifferenza.”
In particolare il presidente Tarasco si è soffermato, nella sua relazione, sul tema dell’Europa e della crisi economica e italiana:
“A fronte di un progetto di unione politica ed economica che ha spinto i padri fondatori a tentare una impresa storica, l’Europa di oggi, pur rimanendo una conquista preziosa fatta di pace e prosperità, è ferma sul piano dell’integrazione istituzionale, su quello dell’espansione economica e, soprattutto, su quello dell’autorevolezza politica come soggetto forte e unitario negli equilibri mondiali.”
“Se l’Europa avrà la volontà di reagire lo spazio di rigenerazione e di recupero del nostro continente è evidente a tutti. L’Europa può essere ancora il catalizzatore di una stagione di pace e di sviluppo mondiale, non solo per le energie ideali e storiche che possiede ma anche per la sua collocazione geo-politica. Forse non è un caso che sia l’obiettivo principale delle forze terroristiche di questo ultimo periodo.”
Le ACLI sono preoccupate, in particolare, per la situazione politica e per l’efficacia delle istituzioni nel reagire alla crisi sociale. “La questione vera” - si continua a leggere nella relazione - “è che non c’è un riformismo efficace senza partecipazione, senza che le idee e le innovazioni che la politica propone siano capaci di diventare un patrimonio comune capace di essere sostenute dalle persone che le dovrebbero assumere.
Non c’è un cambiamento possibile senza un nuovo rapporto tra Politica e Società e senza una cultura politica nuova, capace di dare alla Democrazia del nostro Paese nuovi strumenti di partecipazione e di protagonismo delle persone.”
A queste sollecitazioni ha reagito per primo il Presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino che ha ribadito la disponibilità della Regione a lavorare con le ACLI sulle priorità individuate dalla relazione e in particolare sul tema della della lotta alla povertà e del lavoro.
Tra gli altri sono intervenuti anche il Viceministro all’Agricoltura Andrea Olivero, il Segretario Generale della CISL Alessio Ferraris e il sindaco Federico Borgna.
Il Congresso è stato anche accompagnato dalla Messa per i delegati officiata dal Vescovo di Cuneo Mons. Piero Delbosco e dal Direttore della Pastorale Sociale e del Lavoro Piemontese don Flavio Luciano. Le conclusioni sono state di Stefano Tassinari della Presidenza Nazionale ACLI.
In chiusura del congresso sono stati eletti i 16 componenti del nuovo Consiglio regionale Acli Piemonte.
Il più votato è stato il Presidente in carica, Massimo Tarasco (Torino) con 42.000 voti seguito da Mario Tretola (Cuneo) 37.200 e Mara Ardizio (Novara) 34.600.

Risultano eletti anche: Luca Sogno (Vercelli), Gilberto Rollino (Biella), Marina Bisio (Alessandria), Elio Lingua (Cuneo), Roberto Genta (Asti), Roberto Santoro (Torino), Liliana Magliano (Torino), Claudio Ferrato (Vco), Raffaella Dispenza (Torino), Paolo Giordano (Cuneo), Maria Luisa Martello (Cuneo), Giovanna Martini (Cuneo) e Carmelina Nicola (Torino).

Tra una decina di giorni il Consiglio si riunirà per eleggere il nuovo Presidente. Candidato unico per il secondo mandato è lo stesso Massimo Tarasco.

Torino 18 Aprile 2016

In allegato la Relazione Congressuale e la rassegna stampa
img
Congresso regionale  08 Apr 2016
Numerosi ospiti si alterneranno sul palco del 13° Congresso Regionale delle ACLI Piemonte. Sabato pomeriggio, oltre ai graditissimi saluti del Vescovo Mons. Piero DELBOSCO e del Sindaco Federico BORGNA, i 150 delegati avranno la possibilità di ascoltare anche il Presidente della Regione Piemonte Sergio CHIAMPARINO.
Insieme a loro si alterneranno tra Sabato e Domenica anche
Andrea OLIVERO Viceministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali
Luigi BOBBA Sottosegretario Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
Gianna PENTENERO Assessora all’Istruzione, Lavoro e Formazione Professionale Regione Piemonte
Augusto FERRARI Assessore alle Politiche Sociali, alla Famiglia e alla Casa Regione Piemonte
Monica CERUTTI Assessora all’Immigrazione Regione Piemonte
Alessio FERRARIS Segretario Generale CISL Piemonte
Marco CANTA Portavoce Forum Terzo Settore Piemonte
Adriano MIONE Banca Etica

Le ACLI (Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani) nascono nel dopoguerra come esperienza di impegno dei credenti nel mondo del lavoro e si diffondono negli anni, e nel mondo con gli immigrati italiani, attraverso quelle tre fedeltà che ancora oggi le contraddistinguono: al Lavoro, alla Chiesa, alla Democrazia.
Al Lavoro: per stare dalla parte dei lavoratori, con particolare attenzione alle realtà più popolari e precarie
Alla Chiesa: per stare nella Chiesa da laici e nel mondo da credenti, ricercando una spiritualità laicale cha sappia coniugare fede e vita
Alla Democrazia: per stare nella società cercando di costruire luoghi di partecipazione dei cittadini a partire dai propri territori e dalle proprie comunità.

Giuridicamente le ACLI si presentano come un’Associazione di Promozione Sociale (APS) e sono ormai un sistema diffuso e organizzato sul territorio che promuove il lavoro e i lavoratori, educa ed incoraggia alla cittadinanza attiva, difende, aiuta e sostiene i cittadini, in particolare quanti si trovano in condizione di emarginazione o a rischio di esclusione sociale (spesso di ambiente popolare).

Di seguito e in allegato il Programma del Congresso:

SABATO 16 APRILE 2016
Ore 14,30 Apertura del Congresso Nomina della Presidenza Elezione delle Commissioni
Rifessione biblica guidata da don Flavio LUCIANO Direttore Pastorale Sociale e del Lavoro Piemonte

Ore 16 Relazione di
Massimo TARASCO Presidente Regionale ACLI Piemonte
Interventi di saluto
Mons. Piero DELBOSCO Vescovo Diocesi Cuneo e Fossano
Federico BORGNA Presidente della Provincia Sindaco Città di Cuneo
Sergio CHIAMPARINO Presidente Regione Piemonte Dibattito no alle ore 19,30

Ore 20,30 Cena

DOMENICA 17 APRILE 2016
Ore 8,30 S.Messa presieduta da Mons. Piero DELBOSCO Vescovo Diocesi Cuneo e Fossano
Ore 9,30 Relazione Organizzativa “Le ACLI Piemontesi”
Mara ARDIZIO Responsabile Sviluppo Associativo ACLI Piemonte
Mario TRETOLA VicePresidente Regionale ACLI Piemonte
Ripresa dibattito
Replica del Presidente Presentazione delle Candidature
Votazione Statuto Regionale ACLI e Mozione finale

Ore 14 Pranzo
Elezione componenti il Consiglio Regionale Elezione Consiglieri Nazionali in rappresentanza del Piemonte
Presiede il Congresso Stefano TASSINARI Presidenza Nazionale ACLI

Il Congresso si svolgerà sempre presso la sala convegni della Fondazione CRC in Via Roma 10 a Cuneo.
Si concluderà Domenica pomeriggio, in tempo per permettere a tutti i partecipanti di partecipare al voto sul Referendum abrogativo sulle Trivellazioni al quale le ACLI Piemonte invitano tutti i cittadini a partecipare.
Il 15 Aprile, presso la sala convegni della Fondazione CRC in Via Roma 10 a Cuneo, il Congresso sarà anticipato da un convegno, organizzato da ACLI Piemonte con EnAIP Piemonte sul tema “Dopo JOBS ACT in Piemonte: tra Lavoro e Formazione Professionale” DI CUI IN UN PRECEDENTE COMUNICATO.
img
Congresso regionale  01 Apr 2016
Conclusi i Congressi provinciali, 150 delegati si danno appuntamento a Cuneo, dal 16 al 17 Aprile, per l’assise Regionale delle “Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani” “Con le ACLI attraversiamo il cambiamento”. Il Presidente Tarasco soddisfatto: “In Piemonte le ACLI sono un sistema associativo sano e vitale: aggregazione, tutela dei diritti, formazione professionale e nuovo lavoro, cittadinanza attiva, cultura, sport, turismo responsabile e impresa sociale……per la nostra regione”.


Si sono conclusi, con l’elezione degli organi statutari, gli 8 congressi provinciali delle articolazioni territoriali piemontesi delle ACLI. Ovunque i circoli hanno eletto i loro delegati, in rappresentanza dei 47500 iscritti, e partecipato al dibattito congressuale che ha analizzato il lavoro svolto negli ultimi quattro anni e rimesso a punto temi, obiettivi e orientamenti per il futuro.

Ora il percorso continua con l’Assise regionale.
Prima però si svolgerà un altro appuntamento di approfondimento:
Il 15 Aprile, presso la sala convegni della Fondazione CRC in Via Roma 10 a Cuneo, il Congresso sarà anticipato da un convegno, organizzato da ACLI Piemonte con EnAIP Piemonte sul tema “Dopo JOBS ACT in Piemonte: tra Lavoro e Formazione Professionale”. Ad oltre un anno dall’entrata in vigore del Jobs Act e con la pubblicazione degli ultimi decreti attuativi la riforma del Lavoro entra nel vivo. Le ACLI Piemonte e EnAIP Piemonte si interrogano sull’impatto che sta avendo e che avrà la riforma sulla realtà viva della nostra Regione. Il convegno si svolgerà dalle ore 14 alle ore 19,30 e vedrà la partecipazione di Massimo TARASCO Presidente Regionale ACLI Piemonte, Mario TRETOLA VicePresidente Regionale ACLI Piemonte, Luca SOGNO Presidente Regionale EnAIP Piemonte, Paolo TALLONE Direttore società cooperativa GESAC, Mauro BRUNO Titolare ditta Master Security , Marco CANTA Portavoce Forum Terzo Settore Piemonte, Gianna PENTENERO Assessore all’Istruzione, Lavoro e Formazione Professionale della Regione Piemonte, Gianni BARATTA Segretario CISL Piemonte, Luigi BOBBA Sottosegretario Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Le conclusioni saranno affidate a Stefano TASSINARI Responsabile Lavoro Presidenza Nazionale ACLI.

Il 16 e il 17 Aprile sarà la volta del Congresso Regionale vero e proprio che si svolgerà sempre presso la sala convegni della Fondazione CRC in Via Roma 10 a Cuneo.
La relazione congressuale del Presidente Regionale Massimo Tarasco è prevista per le ore 16.

“In questi anni,” - ha dichiarato il presidente Regionale Massimo Tarasco - “come ACLI del Piemonte, abbiamo lavorato in maniera coesa per essere e fare “vero gioco di squadra” in relazione con tutte le parti del Sistema ACLI Regionale e con gli altri soggetti sociali della nostra Regione.” “Sono molti i temi di cui dovremo discutere ma, in particolare, il Congresso dovrà delineare i modi e le forme di un nuovo impegno aclista per rispondere al bisogno di lavoro e di protezione sociale che, in particolare nella nostra regione, spinge al limite della povertà migliaia di famiglie piemontesi.”

Il Congresso si concluderà Domenica pomeriggio, in tempo per permettere a tutti i partecipanti di partecipare al voto sul Referendum abrogativo sulle Trivellazioni al quale le ACLI Piemonte invitano tutti i cittadini a partecipare.

IN GESTIONE ALLEGATI IL DEPLIANT DEL CONVEGNO

Torino, 1 Aprile 2016




img
Congresso regionale  23 Feb 2016
VCO                      DOMENICA 28 FEBBRAIO
VERCELLI             SABATO 5 MARZO
ASTI                      DOMENICA 6 MARZO
ALESSANDRIA      SABATO 12 MARZO
NOVARA                SABATO 12 MARZO
CUNEO                  DOMENICA 13 MARZO
TORINO                 VENERDì 18 MARZO e SABATO 19 MARZO
BIELLA                   SABATO 19 MARZO




VENERDI’ 15 APRILE 2016 CONVEGNO A CUNEO
“DOPO IL JOBS ACT IN PIEMONTE: TRA LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE”
ORGANIZZATO DA ACLI PIEMONTE E ENAIP PIEMONTE

SABATO 16 E DOMENICA 17 APRILE 2016 a CUNEO
13° CONGRESSO REGIONALE ACLI PIEMONTE




5-8 MAGGIO LIVORNO
25° CONGRESSO ACLI NAZIONALI
img
Congresso regionale  18 Feb 2016
E’ uscito il numero di FEBBRAIO-MARZO 2016 di ACLILine-La newsletter del Sistema ACLI Piemonte.

Il file, in formato pdf, si può scaricare, come sempre, nella sezione allegati oppure richiesto inviando una mail a redazione@aclipiemonte.it.

BUONA LETTURA

Il Referente Comunicazione Sistema ACLI Piemonte
Fabio Protasoni

La Segreteria Reg.le Sistema ACLI Piemonte
Adriana Nitto
img
Congresso regionale  15 Gen 2016
E’ uscito il numero di GENNAIO 2016 di ACLILine-La newsletter del Sistema ACLI Piemonte.

Il file, in formato pdf, si può scaricare, come sempre, nella sezione allegati oppure richiesto inviando una mail a redazione@aclipiemonte.it.

BUONA LETTURA

Il Referente Comunicazione Sistema ACLI Piemonte
Fabio Protasoni

La Segreteria Reg.le Sistema ACLI Piemonte
Adriana Nitto
img
Congresso regionale  10 Set 2014
 Garanzia Giovani prosegue il suo percorso, al 4 Settembre 2014 sul sito www.garanziagiovani.gov.it si sono registrati 179.439 giovani: 97.793 lo hanno fatto attraverso il sito nazionale e 81.646 attraverso i portali regionali. Di questi 41.989 sono stati convocati dai servizi per il lavoro e 26.668 hanno già ricevuto il primo colloquio di orientamento; 10.369 le occasioni di lavoro, per un totale di posti disponibili pari a 15.165. La provenienza geografica (residenza) dei giovani mostra che la maggior parte di loro risiede in Sicilia con 31.879 unità, pari al 18% del totale, in Campania con il 14% (25.713 unità) e nel Lazio con il 7% (12.439 unità). Indagando sul genere dei giovani che si sono registrati, si nota come il 53% delle registrazioni (94.405 unità) ha interessato uomini mentre quelle che hanno riguardato le donne sono state 85.034, pari al 47%.

In termini di età dei giovani, il 51% delle registrazioni, pari a 91.019 (50.748 uomini e 40.271 donne) ha interessato i giovani di età compresa tra i 19 e i 24 anni, mentre sono state 74.433, pari al 41%, quelle che hanno interessato giovani dai 25 ai 29 anni (35.021 uomini e 39.412 donne) e 13.987, pari all’8%, i giovani dai 15 ai 18 anni (8.636 uomini e 5.351 donne). In termini di titolo di studio, i giovani registrati sono così suddivisi: il 21% ha conseguito una laurea, il 56% risulta essere diplomato, infine il rimanente 23% risulta avere un titolo di studio di terza media o inferiore.

Passando ad analizzare le adesioni, il 90% dei giovani che si sono registrati (pari a 162.367 unità) ha effettuato una sola adesione. Il restante 10% ha invece effettuato più di una adesione, secondo la seguente ripartizione: Indagando ulteriormente sulle adesioni, si nota come la scelta sia ricaduta per la maggior parte nelle seguenti tre Regioni: Sicilia con il 14% del totale, pari a 31.734 adesioni, seguita da Campania con il 12% del totale, pari 26.562 adesioni e Lazio con il 9% del totale, pari a 19.293 di adesioni: queste tre regioni insieme assorbono quindi circa il 35% delle adesioni. La regione che ha ricevuto il maggior numero di adesioni da giovani residenti in altre regioni è la Lombardia con 7.597 adesioni “esterne”. La regione che ha ricevuto il maggior numero di adesioni da giovani residenti in altre regioni è la Lombardia con 7.597 adesioni “esterne”.

Intanto sono iniziate le attività di “presa in carico” dei giovani registrati: 41.989 sono stati già chiamati dai servizi per il lavoro per il primo colloquio e la profilazione e tra questi 26.668 hanno già ricevuto il primo colloquio di orientamento. L’analisi di genere mostra che il 53% dei giovani già profilati sono uomini e il 47% sono donne, mentre la distribuzione per età rispecchia la distribuzione dei giovani registrati: il 7% appartiene ai giovani di età compresa tra i 15 e i 18 anni, il 51% ai giovani di età compresa tra i 19 e i 24 anni e il 42% ai giovani di età compresa tra i 25 e i 29 anni.

In attesa della partecipazione alle singole misure a seguito degli avvisi regionali, continua l’inserimento “spontaneo” delle occasioni di lavoro. Anche a seguito dei protocolli di intesa che il Ministero ha sottoscritto con alcune Associazioni imprenditoriali, le aziende stanno inserendo occasioni di lavoro (vacancy) sul portale nazionale direttamente o per il tramite delle Agenzie per il lavoro. Ad oggi, le opportunità di lavoro complessive pubblicate dall’inizio del progetto sono pari a 10.369, per un totale di posti disponibili pari a 15.165. Il 71,3% delle occasioni di lavoro è concentrata al Nord, il 14,7% al Centro e il 13,9% al Sud; lo 0,1% rappresenta le occasioni di lavoro all’estero.

Vuoi informazioni su GARANZIA GIOVANI? Contatta il Centro Servizi EnAIP più vicino a te.