In evidenza
IRES TERZO SETTORE. TARASCO: "Forti con i deboli e deboli con i forti”
img
“La vicenda del raddoppio dell’IRES per le organizzazioni no-profit è drammatica nei suoi esiti e tragi-comica nella sua gestione.” Così si esprime il Presidente Regionale delle ACLI Piemonte Massimo Tarasco. “A fronte di un provvedimento che ridurrà drasticamente le azioni del volontariato, delle associazioni e delle imprese sociali si stanno moltiplicando le dichiarazioni più assurde da parte di esponenti anche di primo piano del Governo Verde-Giallo. Dichiarazioni che rappresentano la supponenza e l’ignoranza da parte di molti sulla natura e sulla mission del Terzo Settore.”
Tardive anche quelle positive che, pur riconoscendo l’errore politico e tecnico del provvedimento, devono però ora scongiurare il pericolo che nel 2019 ci sia un arretramento serio del welfare e dell’assistenza sociale nel nostro paese.
“Non so se la Camera dei Deputati potrà correggere questa assurdità” - continua il Presidente Tarasco - “rimane il fatto che l’esito finale è una norma che incide direttamente sulle fasce più deboli della popolazione lasciando indenni altre categorie come i più abbienti e gli evasori fiscali. Forti con i deboli e deboli con i forti”
Segnala la notizia Segnala questa notizia
Versione stampabile Versione stampabile
Iscrizione Mailing List Iscriviti alla mailing list